CENNI  STORICI:

Stampa originale Copyright © Marina Guidetti by C.I.Web

L’airedale è originario della valle dell’Aire, fiume che si trova nella zona Nord-Ovest della Gran Bretagna a ridosso delle aree industriali fra Leeds e Bradford. Minatori ed operai dei mulini lo usavano per dare la caccia, a ridosso del fiume, a lontre, gatti selvatici e piccoli nocivi, oltre che ad anatre. C’erano, alla metà del 1800, mute di Otterhounds che cacciavano sullo stesso fiume Aire e sui rivi ad esso collegati e che, insieme ai Welsh Terrier di allora, furono incrociati con i progenitori dell’attuale Airedale. Probabilmente anche l’Old English Black and Tan giocò il suo ruolo nella riproduzione e così molti altri Terrier o incroci di essi. Si usavano infatti molte razze per migliorare una volta la qualità del pelo, l’altra il carattere, l’altra ancora la velocità e così via, fino ad ottenere ciò che si desiderava. Agli inizi dell’800 il nostro futuro Airedale si chiamava Waterside Terrier, per il suo uso di cacciatore lungo i fiumi e solo nel 1883 il grande Terrier prese il nome di Airedale e venne iscritto all’esposizione di Birmingham come tale.
Neel 1886 la razza fu ammessa ai libri di riproduzione del Kennel Club. Era ancora un cane leggero, dalle gambe lunghe ed il suo peso andava dalle 35 alle 45 libbre (da 17 a 20 kg circa). Molti non ritenevano giusto che un cane di così grandi dimensioni fosse classificato come Terrier e molti anni furono necessari per arrivare al tipo giusto.

1897 - MASTER BRIAR 

Detto da molti il pilastro della razza e famoso per la sua testa.  (illustrazione n° 7)

      

Stampa originale Copyright © Marina Guidetti by C.I.Web

 
 

1940 - HERR, MAX, FELDHEIM von CHARLOTTENBURG

Stampa originale © Marina Guidetti  by C.I.Web

Con l’avvento della guerra Russo-Giapponese molti Airedale vennero esportati in Giappone ed addestrati per gli usi più disparati e così anche durante la prima Guerra Mondiale vennero impiegati sia per scoprire persone o soldati dispersi che per portare messaggi.

1° GUERRA MONDIALE

Stampa originale Copyright © Marina Guidetti by C.I.Web


a

a

 1970 - CH.SICCAWEI GALLIARD 

Uno dei più famosi riproduttori di tutti i tempi

(illustrazione n° 7)

1980 - CH.KARUDON KALYPSO

Best in Show alla National Terrier del 1984

(illustrazione n° 8)

,

a

 1985 - "Emma" Ch.GINGER CHRISTMAS KAROL

Nata ed allevata in Italia, ha vinto il Best In Show a Cruft’s nel 1986.

   

a

  2000 - Ch.GREENFIELD CAPITAN FANTASTIC - Top Airedale in Inghilterra e Italia    

NOTA:Le illustrazioni dal n° 1 al n° 8 sono estratte dal libro “AIREDALE TERRIERS”  di Mary Swash e Donald Millar

per gentile concessione degli autori.

   

LO STANDARD O DESCRIZIONE DI RAZZA  DELL’ AIREDALE

 

a

Disegno originale Copyright © Marina Guidetti by C.I.Web

 

.

ASPETTO GENERALE:  è il più grande dei Terrier. E’ un cane muscoloso, attivo, ed abbastanza raccolto, senza dare mai l’impressione di essere troppo leggero o eccessivamente lungo di tronco.

CARATTERISTICHE:  Ha un’espressione attenta, veloce e curioso ad ogni movimento. Il carattere si esprime dall’attenzione che presta con l’espressione degli occhi, dal portamento delle orecchie e dalla coda portata eretta.
TEMPERAMENTO:  Allegro e fiducioso, amichevole, coraggioso ed intelligente. Attento in ogni situazione, non è mai aggressivo o pauroso.
TESTA E CRANIO:  Cranio lungo e piatto, non troppo largo fra le orecchie si restringe leggermente all’altezza degli occhi. Ben bilanciata senza apparente differenza di lunghezza fra cranio e muso. Non ha rughe, lo stop è leggero, le guance sono piatte e prive di rotondità. Il muso è ben pieno sotto gli occhi, mai a piatto o cadente, ma con un delicato cesello sotto gli occhi che non dimostra né di essere a punta né di essere troppo pieno. Le mascelle superiore ed inferiore profonde, potenti, forti e muscolose, la potenza del muso è fortemente desiderata. Una guancia troppo piena e rotonda è indesiderata. Le labbra sono aderenti ed il naso nero.
OCCHI:  Di colore scuro, piccoli, non sporgenti, pieni di espressione, attenzione ed intelligenza. Occhi chiari  altamente indesiderati.
ORECCHIO:  a forma di V, portati lateralmente, piccoli, ma non sproporzionati alla taglia del cane. La piega dell’orecchio è leggermente al di sopra della linea del cranio. Orecchie pendenti o portate troppo alte indesiderate.
DENTATURA:  Denti forti. Mascelle forti. Chiusura a forbice: i denti superiori sovrastano quelli inferiori. I denti sono inseriti squadrati. La chiusura a tenaglia accettata. Chiusura prognata o enognatismo indesiderabile.
COLLO:  Pulito, muscoloso, di moderata lunghezza e grossezza, si allarga gradualmente fra le spalle. Deve essere privo di giogaia.

ANTERIORE:  Spalla lunga, ben all’indietro, inclinata obliquamente, le scapole sono piatte.

Le zampe anteriori perfettamente diritte e con buona ossatura. Il gomito è perpendicolare al corpo, libero nell’azione.

TRONCO:  Dorso corto, forte, diritto e parallelo al suolo, non da segni di rilassamento. Il rene è muscoloso, le costole ben cerchiate. In un cane  corto di tronco e ben cerchiato c’è un piccolo spazio fra costato e bacino. Quando il cane è lungo di tronco si denota una certa rilassatezza.

Il torace è profondo, disceso all’altezza del gomito, ma non largo.

POSTERIORE:  Femori lunghi e potenti, ginocchia ben piegate, mai girate all’interno o all’esterno. Garretti corti e paralleli se visti da dietro.
PIEDI:  piccoli, rotondi e compatti. Buono spessore della suola, cuscinetti plantari sviluppati e dita moderatamente arcuate, mai voltati all’infuori o all’indentro.

CODA:  Inserita alta e portata allegra, mai arricciata sulla schiena. Di buona grossezza e sostanza.

La punta è approssimativamente alla stessa altezza della cima del cranio.

MOVIMENTO ED ANDATURA:  Le zampe portate diritte in avanti. Le zampe anteriori si muovono liberamente e parallele ai fianchi. I piedi in movimento hanno la stessa distanza dei gomiti. La potenza di propulsione è data dalle zampe posteriori.
PELO:  Grosso, fitto e ruvido, non così lungo da sembrare aperto. E’ dritto ed aderente, copre corpo e zampe. Il pelo esterno è molto duro e diritto, il sottopelo è corto e morbido. Quando il pelo è molto ruvido è increspato o leggermente ondulato. Il pelo riccio o morbido è altamente indesiderato.
COLORE:  Il tronco ha una sella nera o brizzolata dall’attaccatura del collo alla cima anteriore della coda. Tutte le altre parti sono marrone rossiccio. Le orecchie sono spesso tan più scuro ed ombreggiature possono esserci intorno al collo ed ai lati del cranio. Qualche pelo bianco fra le zampe anteriori accettabile.
TAGLIA:  Altezza da terra al garrese 58-61 cm per i maschi; le femmine dai 56 ai 59 cm.
DIFETTI:  Ogni discordanza dai punti sopraddetti è considerato difetto. Più la discordanza è grande, più il difetto è serio.
NOTA:  I maschi devono avere due testicoli normali ben discesi nello scroto.
 

aa

anni '90 - Ch.JOKYL THIS IS MY SONG -Top Airedale in UK

(nipote di "Emma" GINGER CHRISTMAS KAROL)

 

a

'97/'98 -Ch.BIGLADY'S YOUR MAJESTY -Top Airedale in Finlandia

 

a

2003 - Ch.SAREDON OPEN FIRE - Top Airedale in Inghilterra

 

a

2003 - Ch.STARGUS GALILEO -

 

     

A:    NASO O TARTUFO

B:    MUSO

C:    STOP

D:    CRANIO

E:    OCCIPITE

F:    ORECCHIO

G:    GUANCIA

H:    GOLA

I:     COLLO

L:     GARRESE

M:    PUNTA DELLA SPALLA O STERNO

N:    SPALLA

O:    DORSO

P:    COSTATO

Q:    GOMITO

X:    TORACE

K:    RENE

U:    GROPPA

R:    CARPO

S:     PASTORALE

T:     PIEDE

V:    NATICA

Z:    FEMORE

W:  GINOCCHIO

Y:   GARRETTO

J:    CODA

a

 

Disegno originale Copyright © Marina Guidetti by C.I.Web

..

La parte più importante dell’Airedale Terrier è la testa: esprime carattere, fierezza, eleganza ed espressione. Analizziamo bene la testa dell’Airedale vista dal davanti e da sopra: deve assomigliare ad un mattone, cioè deve avere le due linee laterali, dalle orecchie alla commessura labiale, perfettamente parallele ed equidistanti. Logicamente una corretta toelettatura aiuta molto a dare questa impressione, ma se abbiamo i masseteri estremamente pronunciati, sarà impossibile avere delle corrette linee laterali anche se aiutate dalla toelettatura del più esperto preparatore.
 

Ed ora le linee superiori: lo standard non dice che devono essere parallele (cranio e muso), ma nei vecchi standard veniva riportato. Attualmente è molto difficile trovare cani con parallelismo evidente. Penso che gli allevatori dovranno porre molta attenzione a questo difetto di divergenza.

Un altro difetto frequente in alcune linee di sangue è che la parte posteriore della mascella inferiore è troppo profonda, la qual cosa, vista lateralmente, appesantisce la configurazione complessiva della testa togliendole eleganza.

Logicamente la testa deve dare impressione di forza, ricordiamoci che l’Airedale deve avere incisivi grandi e lo spazio fra i canini notevole e va da sé che il muso non deve essere appuntito.

 
a
 

Disegno originale Copyright © Marina Guidetti by C.I.Web

Ed ora passiamo agli occhi: lo standard li descrive scuri, piccoli, pieni di espressione Terrier. E’ “quel certo non so che” che si scorge negli occhi dei nostri cani quando sono pronti a combinarne una delle loro. L’occhio non deve essere grande, rotondo e sporgente.

Talvolta ci sono cani che, pur avendo l’occhio piccolo e non prominente, hanno una linea scura di contorno alle palpebre che lo fa apparire grande, mentre non lo è.

Le orecchie sono a V e portate lateralmente al cranio, ma non devono mai essere rialzate al di sopra della linea del cranio come quelle di un Fox Terrier. Questo difetto è grave e lo si riscontra in particolare nei cani di linee americane: ciò è dovuto alla mania tutta americana di incollare le orecchie ai cuccioli troppo in alto. E’ giusto controllare e correggere il difetto delle orecchie nei cuccioli, ma bisogna saperlo fare ed al momento giusto.

Al contrario, non vi è nulla di peggio che vedere un Airedale con orecchie pesanti ed inserite basse come un Segugio. Anche qui è parzialmente possibile correggere il portamento delle orecchie attraverso un corretto attacco dei padiglioni auricolari. La colla che si impiega per l’operazione di correzione delle orecchie non deve essere tossica.

Parliamo ora del collo, che deve essere moderatamente lungo, ma non stretto e senza sostanza. Si deve inserire bene in una spalla ben angolata da cui uscire con eleganza. Anche qui non esagerare e pretendere un’incollatura da Fox Terrier, che non sarebbe tipico.

 

Il tronco deve essere raccolto e stare approssimativamente nel quadrato, ma anche qui non bisogna esagerare perché un cane troppo corto di tronco non riesce ad avere quel bel trotto allungato che lo standard richiede. Generalmente un cane eccessivamente corto non ha sufficienti angolazioni.

Il tronco dovrebbe essere ben sviluppato. Visto da sopra, la schiena è larga e potente con le due anche distanti fra di loro. Il torace deve avere sezione ovale e non tondeggiante.

Parliamo ora dell’attacco della coda tralasciando il problema se amputata o meno. L’attacco della coda deve essere il più alto possibile e, soprattutto, avere natiche ben sporgenti, cosa che rende bello il posteriore.

Le cosce infatti devono essere potenti, ben sviluppate, ma ricordate che il posteriore non deve essere eccessivamente angolato. Ricordiamo che l’Airedale non è un cane con il dorso rampante, (tipo Pastore Tedesco, Boxer etc.) per cui un’angolazione eccessiva, oltre ad essere un difetto gravissimo, non è tipica.

 
 
 

disegno (1) corrette proporzioni

disegno (2) errata costruzione:

A orecchie troppo alte;

B il nero è troppo esteso;

C dorso rampante e troppo corto;

D coda inserita bassa;

E eccessiva angolazione del posteriore.

 
a

Disegno originale Copyright © Marina Guidetti

by C.I.Web

Parliamo anche del colore e, cosa molto importante, della disposizione del nero e del tan. Lo standard dice testualmente: “ sella sul dorso nera o grizzle, dalla cima del collo alla parte superiore della coda. Tutte le altre parti tan: Le orecchie a volte di un tan più scuro e ci può essere un’ombreggiatura intorno al collo ed al cranio”.

Ciò vuol dire che, sulle cosce in un cane adulto, non vi deve essere nella maniera più assoluta alcun accenno di nero, perché ciò potrebbe rivelare qualche parentela con il Welsh Terrier.

La tessitura del mantello è quella del Terrier a pelo duro, doppio e composto di sottopelo morbido e pelo di copertura duro. Logicamente più si strippa il pelo a mano, senza tagliarlo, più la qualità ed il colore miglioreranno.

 

                         LUNGHEZZE DI PELO ESEGUITE CON LO STRIPPING

 

A: LUNGO 4-5 cm

B: LUNGO 1-2 cm

C: LUNGO 2,5- 3,5 cm

aa

DISEGNO VERSO DI STRIPPING

 

    Disegno originale Copyright © Marina Guidetti by C.I.Web

Disegno originale Copyright © Marina Guidetti by C.I.Web

THE MIDLAND COUNTIES A.T.CLUB:

Mrs.J Sallows

Email: joy@willowaire.freeserve.co.uk

THE NORTH OF ENGLAND A.T.CLUB:

Mrs Joanne Glover

1, Deane Range, Blackbourne Road,

Padiham, Lancs BB12 7NQ

THE AIREDALE T.CLUB OF SCOTLAND

Mrs Joyce Harkin,

8 Heather Avenue, Hardgate, Clydebank,

Dunbartonshire, Scotland G81 6LH

THE SOUTH OF ENGLAND A.T.CLUB

Mrs A.Awbery

North Barnes Farm, Plumpton Green, Lewes,

East Sussex BN7 3DU

YORKSHIRE & EASTERN COUNTIES A.T.CLUB

Brian Collins

Email: briancollins@tordale.fsnet.co.uk

NATIONAL AIREDALE TERRIER ASSOCIATION

Renee Moules

Email: renee.moules@virgin.net

Stampa originale Copyright © Marina Guidetti by C.I.Web